Diventare Chef del proprio cambiamento

Diventare Chef del proprio cambiamento, cioè

cambiamento da una variabile
Il cambiamento parte da dentro di noi

poter iniziare a vivere la vita come la desideriamo. Negli articoli precedenti è già stato trattato il tema dell’ essere consapevoli e di conoscere se stessi come base per il cambiamento; sicuramente ora vi starete chiedendo come fare nella pratica, quale ricetta provare… Come spesso accade tutto è già sotto i nostri occhi per questo non lo vediamo.

La percezione: cos’è, come funziona

L’Essere Umano dal momento del concepimento fino alla morte, riceve informazioni…
Le informazioni che provengono dall’ambiente circostante vengono registrate dagli organi di senso, che recepiscono solo alcune caratteristiche fisiche degli oggetti presenti.
Queste informazioni vengono poi integrate attraverso il processo percettivo, che a sua volta funziona in modo pre-programmato in base alle sue caratteristiche biologiche…
Questa è la Percezione.

Tutto viene codificato e incasellato nel nostro cervello…

liberi dalla ruota per il cambiamento
Per iniziare il cambiamento è necessario fermare la ruota del criceto

Così, di fronte ad una nuova informazione, non ci accorgiamo che uno degli elementi principali che ci porta al riconoscimento quasi immediato di una percezione è il ricordo (quindi l’esperienza) di quell’input.
Viviamo la nostra realtà per ricordo e ridondanza e spesso non ci rendiamo conto che non “vediamo” le cose per come sono in quel momento, ma le “vediamo” per come le stiamo riproducendo nel nostro cervello, in base ai dati raccolti in precedenti esperienze…

Diventare Chef di Se Stessi significa anche utilizzare gli ingredienti che già conosciamo per elaborare nuove ed invitanti ricette.

Quando ci sembra che la nostra vita ci riproponga le medesime situazioni (o persone o problemi, ecc.) e ci sentiamo chiusi in un circolo “vizioso”, da cui non riusciamo a venire fuori, come un cricetino che gira nella ruota, è soltanto fermando quella ruota che possiamo iniziare a cambiare modo di percepire ciò che ci circonda…

Ricetta di un buon primo, per imparare ad osservare noi stessi ed iniziare il cambiamento

  • Respirate profondamente, regalatevi un momento per voi e iniziate ad “osservare” il tutto dall’alto, cercando di guardarvi
    cambiare un'abitudine cambia un destino
    cambiare un’abitudine cambia un destino

    da ogni punto di vista.

  • Uscite dalla “recita”, scendete dal palcoscenico e iniziate a guardarvi come se foste spettatori di voi stessi…
    Credetemi, la cosa può essere anche molto esilarante, vedrete comportamenti che non pensavate di avere, a partire dal vostro modo di muovervi fino a quello di parlare… Rideteci un po’ su, ma non troppo, non vorrete offendervi 🙂
  • Mentre siete lì seduti comodi in platea, ricordatevi di osservare, prendete spunto da voi stessi, fino al punto di identificare i processi relativi al vostro modo di essere in maniera lucida e analitica, senza giudicarvi: iniziate ad amarvi.

Il passo successivo è → per cambiare un’abitudine è necessario cambiare una variabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *